SPORTSHOWROOM

    Filtro su

    • Ordina

    • Genere

    • Marca (Nike)

    • Linea (Air Max)

    • Collezione

    Nike Air Max 97 BQ4567-001
    • Nike
    • Air Max 97
    • "Triple Black"
    • €165
    Nike Air Max 95 Essential CT1268-100
    • Nike
    • Air Max 95 Essential
    • "White & Grey Fog"
    • €189,99
    Nike Air Max 90 CN8490-003
    • Nike
    • Air Max 90
    • "Triple Black"
    • €127,90
    Nike Air Max 90 CN8490-002
    • Nike
    • Air Max 90
    • "Dark Smoke Grey & Black"
    • €127,90
    Nike Air Max 90 CN8490-100
    • Nike
    • Air Max 90
    • "Triple White"
    • €159,90
    Nike Air Max 95 Essential CI3705-001
    • Nike
    • Air Max 95 Essential
    • "Black & Dark Grey"
    • €151,90
    Nike Air Max 270 AH8050-005
    • Nike
    • Air Max 270
    • "Triple Black"
    • €119,90
    Nike Air VaporMax Plus 924453-004
    • Nike
    • Air VaporMax Plus
    • "Triple Black"
    • €145
    Nike Air Max 1 '87 FV6605-200
    • Nike
    • Air Max 1 '87
    • "Leopard"
    • €159,99
    Nike Air Max 1 FD9082-103
    • Nike
    • Air Max 1
    • "University Blue"
    • €89,99
    Nike Air Max 1 FD9082-101
    • Nike
    • Air Max 1
    • "Chili 2.0"
    • €98
    Nike Air Max 1 FD9082-100
    • Nike
    • Air Max 1
    • "Deep Royal Blue"
    • €98
    Nike Air Max 1 FD9082-002
    • Nike
    • Air Max 1
    • "Platinum Tint & Dark Obsidian"
    • €149,99
    Nike Air Max 1 Premium FD9081-001
    • Nike
    • Air Max 1 Premium
    • "Urawa"
    • €94
    Nike Air Max 90 GORE-TEX FD5810-101
    • Nike
    • Air Max 90 GORE-TEX
    • "Infrared"
    • €179,99
    Nike Air Max 90 GORE-TEX FD5810-002
    • Nike
    • Air Max 90 GORE-TEX
    • "Dark Smoke Grey"
    • €179,99
    Nike Air Max 1 SC FB9660-001
    • Nike
    • Air Max 1 SC
    • "Noise Aqua"
    • €88
    Nike Air Max 90 FB9658-102
    • Nike
    • Air Max 90
    • "Malachite"
    • €159,99
    Nike Air Max 90 FB9657-200
    • Nike
    • Air Max 90
    • "Neutral Olive"
    • €159,99
    Nike Air Max 1 Premium FB8915-600
    • Nike
    • Air Max 1 Premium
    • "Coral Stardust Corduroy"
    • €94
    Nike Air Max 1 SC DZ4549-001
    • Nike
    • Air Max 1 SC
    • "Clear Jade"
    • €88
    Nike Air Max Plus OG DZ3531-600
    • Nike
    • Air Max Plus OG
    • "Light Photography"
    • €105
    Nike Air Max 1 DZ2628-103
    • Nike
    • Air Max 1
    • "Red Stardust"
    • €90
    Nike Air Max 1 DZ2628-100
    • Nike
    • Air Max 1
    • "Volt"
    • €83
    Nike Air Max 1 DZ2628-001
    • Nike
    • Air Max 1
    • "Fuchsia Dream"
    • €80
    Nike Air Max 1 '86 Premium DV7525-001
    • Nike
    • Air Max 1 '86 Premium
    • "Lost Sketch"
    • €104
    Nike Air Max 95 DM0011-009
    • Nike
    • Air Max 95
    • "Black & Pure Platinum"
    • €189,99
    Nike Air Max 95 Recraft CJ3906-001
    • Nike
    • Air Max 95 Recraft
    • "Triple Black"
    • €97,30
    Nike Air Max Plus AJ2029-100
    • Nike
    • Air Max Plus
    • "Triple White"
    • €189,99
    Nike Air Max 270 AH8050-100
    • Nike
    • Air Max 270
    • "White & Black"
    • €119,90
    Nike Air Max 270 AH6789-100
    • Nike
    • Air Max 270
    • "White & Black"
    • €119,90
    Nike Air Max 270 AH6789-006
    • Nike
    • Air Max 270
    • "Triple Black"
    • €119,90
    Nike Air Max 270 AH6789-001
    • Nike
    • Air Max 270
    • "Black & White"
    • €111,90
    Nike Air Max 270 943345-103
    • Nike
    • Air Max 270
    • "White & Metallic Silver"
    • €99,95
    Nike Air Max 270 943345-001
    • Nike
    • Air Max 270
    • "Black & White"
    • €119,99
    Nike Air Max 97 921826-101
    • Nike
    • Air Max 97
    • "White & Wolf Grey"
    • €151,90
    Nike Air Max 97 921522-104
    • Nike
    • Air Max 97
    • "White & Metallic Silver"
    • €144,99
    Nike Air Max 97 921522-011
    • Nike
    • Air Max 97
    • "Black"
    • €144,99
    Nike Air Max 90 Premium FZ5102-299
    • Nike
    • Air Max 90 Premium
    • "Wheat"
    • €169,99
    Nike Air Max Pulse FZ4619-001
    • Nike
    • Air Max Pulse
    • "Black & University Gold"
    • €159,99
    Nike Air Max Plus FV1169-001
    • Nike
    • Air Max Plus
    • "Black & Anthracite"
    • €110
    Nike Air Max 90 FV0361-001
    • Nike
    • Air Max 90
    • "Anthracite & Reflect Silver"
    • €97,97
    Nike Air Max 1 '87 Denim FQ8900-440
    • Nike
    • Air Max 1 '87 Denim
    • "Aura"
    • €88
    Nike Air Max 1 '87 SE FQ8150-133
    • Nike
    • Air Max 1 '87 SE
    • "Hangul Day"
    • €88
    Nike Air Max Plus FN8007-500
    • Nike
    • Air Max Plus
    • "Violet Dust & High Voltage"
    • €105
    Nike Air Max 1 Premium FJ0698-100
    • Nike
    • Air Max 1 Premium
    • "Escape"
    • €94
    Nike Air Max 95 FD9857-700
    • Nike
    • Air Max 95
    • "Saturn Gold & Alabaster"
    • €105
    Nike Air Max 1 FD9082-107
    • Nike
    • Air Max 1
    • "White & Black"
    • €149,99

    Air Max

    A metà degli anni '80, Nike stava cercando un modo per aggiornare la sua rivoluzionaria tecnologia Air, introdotta nel decennio precedente. L'intenzione era quella di creare qualcosa di nuovo ed entusiasmante che portasse l'Air a un livello superiore di innovazione. Per farlo, il marchio si rivolse a un personaggio improbabile: l'architetto Tinker Hatfield. L'architetto lavorava per Nike dal 1981, ma il suo passaggio al design di scarpe nel 1985 avrebbe cambiato il corso della sua carriera e la direzione di Nike Air. 

    Ci si aspettava che Tinker rendesse le sacche Air più piccole e compatte, ma lui fece l'opposto, cambiando la forma dell'airbag per renderlo più spesso e più largo per aumentare il sostegno e la stabilità. Ispirandosi a un design edilizio all'avanguardia, ha anche reso visibile l'aria attraverso una piccola finestra nel tallone. L'aspetto era assolutamente unico e dava all'airbag allargato lo spazio per flettersi ed espandersi sotto il peso del piede. Sebbene il design inaspettato di Hatfield abbia incontrato una certa resistenza, il suo sostegno è stato sufficiente per realizzare la scarpa e così è iniziata la storia della Nike Air Max. 

    Il sistema Air Max era semplice ma offriva molti vantaggi sia ai corridori che agli indossatori occasionali. Con l'introduzione della finestra, è stato possibile produrre airbag più grandi con più aria all'interno per una maggiore ammortizzazione. Era anche facile modificarne le dimensioni e la forma in modo che la tecnologia Air potesse essere inserita in diverse parti della scarpa. L'aumento del volume e della superficie distribuiva il peso del corpo attraverso la pianta del piede, garantendo un migliore assorbimento dell'energia e una maggiore protezione dagli impatti. Tutto ciò rendeva la suola Air Max ideale per le attività più pesanti e per gli sport come il basket e il tennis, praticati su superfici impegnative. 

    Durante la progettazione della prima scarpa Nike Air Max, Tinker creò degli schizzi con finestre Air di diverse dimensioni mentre il suo team lavorava per realizzarne una con le proporzioni corrette. Se la finestra fosse stata troppo grande, non avrebbe retto il peso, ma se fosse stata troppo piccola, non sarebbe stata all'altezza dell'estetica desiderata. Di conseguenza, la finestra nel tallone della Air Max 1 era più piccola rispetto ad altri modelli proposti ma, cosa fondamentale, dimostrò che il concetto poteva essere implementato con successo. Nel corso del tempo, le tasche d'aria e le finestre trasparenti si sono ampliate per fornire una maggiore imbottitura e rivelare sempre più Nike Air.

    Negli anni successivi all'uscita della Nike Air Max 1 nel 1987, vennero presentate molte altre scarpe con finestre d'aria di dimensioni simili, in particolare la Air Max 90, la cui cassetta sul tallone, che attirava l'attenzione, enfatizzava la presenza di aria visibile. Poi, nel 1991, Tinker innovò nuovamente creando la Nike Air Max 180 in collaborazione con Bruce Kilgore. Questo numero, che sta per 180 gradi, rappresentava il fatto che l'airbag era visibile sul fondo della scarpa dal lato laterale a quello mediale. Si trattava di un'innovazione unica nel suo genere che permetteva di aggiungere ancora più aria, ben il 50% in più rispetto alle precedenti sneakers Air Max. 

    In seguito, il marchio si concentrò sull'estensione della finestra d'aria in orizzontale. Nel 1993, fu introdotta una nuova tecnica per creare una tasca d'aria più grande e flessibile, visibile intorno all'intero tallone della Air Max 93. L'evoluzione continuò due anni dopo con il lancio della Air Max 95, il cui Air visibile sul tallone e sull'avampiede incorporava per la prima volta airbag con diversi livelli di pressione. La tasca d'aria nel tallone aveva 4 sacche interconnesse: due forme oblunghe lungo i lati a 25psi ciascuna, una quadrata al centro e una a mezzaluna sul retro, entrambe gonfiate a 5psi. Grazie a questa tecnica, la pressione dell'aria poteva essere impostata su livelli diversi a seconda dello sport, in modo da creare scarpe da ginnastica adatte a diverse attività.

    Le dimensioni dell'airbag visibile furono ulteriormente aumentate alla fine degli anni '90 per creare la prima intersuola Air a tutta lunghezza sulla Air Max 97. Aveva una finestra che si estendeva dall'avampiede al tallone e una seconda finestra più piccola che avvolgeva la parte posteriore del tallone. All'interno, era composta da due tubi esterni collegati al centro da bande più strette piene d'aria e da un piccolo quarto di cerchio sul tallone per fornire un'imbottitura d'aria a tutte le parti del piede. 

    Solo un anno dopo questa versione, venne lanciata la carismatica Air Max Plus. Presentava una serie di piccole finestre intorno al bordo dell'intersuola e unità d'aria con diversi livelli di pressione. Fu la prima della linea Nike Air Max a utilizzare la nuova tecnologia Tuned Air, che combinava l'ammortizzazione dell'aria con parti meccaniche chiamate "emisferi". Queste ultime aggiungevano struttura e supporto ovunque venissero inserite, consentendo ai designer di variare il livello di ammortizzazione su tutto il piede. Sulle Plus, le semisfere erano posizionate nel tallone, il che significava che la pressione degli airbag poteva essere ridotta, producendo un'ammortizzazione più morbida e una maggiore stabilità. 

    Quando l'Air Max entrò negli anni 2000, i designer di Nike si impegnarono per ottenere il massimo dalla tecnologia Air. Nel 2003 riuscirono a ridurre l'elemento in schiuma dell'intersuola a una fetta estremamente sottile sulla Air Max 2003. Questo ha aperto la strada alla prima Air Max priva di schiuma: la Air Max 360 del 2006. La suola è stata realizzata con un nuovo metodo chiamato termoformatura, che ha permesso di modificare la morbidezza e la rigidità dell'unità Air Max. L'airbag risultante aveva un aspetto completamente diverso rispetto alle versioni precedenti. Aveva un cuscinetto tubolare che correva intorno al bordo del piede con una rientranza nella punta e una serie di rientranze a forma di oblungo sotto il centro del piede. In questo modo si otteneva una scarpa incredibilmente flessibile ma anche abbastanza resistente da offrire protezione dagli impatti dal tallone alla punta, eliminando la necessità di utilizzare la schiuma. Con un peso di poco superiore ai 340 g, la scarpa era più leggera di quasi 60 g rispetto al modello precedente, diventando così la Nike Air Max più leggera di sempre. Per dimostrarne la stabilità strutturale, Nike ha sottoposto l'unità della suola a test severi: un corridore ha percorso più di 1.000 km con la Air Max 360. La suola è rimasta in ottime condizioni, dimostrando così che la scarpa non ha subito danni. La suola è rimasta in ottime condizioni, dimostrando la durata del nuovo design.

    A questo punto, poiché Nike era già riuscita a costruire una finestra Air a tutta lunghezza, l'attenzione si spostò sull'aggiunta di innovazioni ad altre parti della silhouette Air Max. Ad esempio, la Air Max 2015 fu arricchita con una serie di tecnologie futuristiche. Conteneva una tomaia in mesh completamente ingegnerizzata, mai vista prima su una Air Max, oltre a cavi Flywire e swooshes invertiti. Inoltre, l'unità Air è stata perfezionata grazie all'incorporazione di un nuovo tipo di scanalatura di flessione che ha reso il tutto molto più flessibile.  

    Tuttavia, nel 2017, il marchio ha trovato un modo per aumentare ulteriormente le dimensioni dell'unità Nike Air Max. Dopo ben 7 anni di sviluppo, gli esperti designer di Nike sono finalmente riusciti a costruire un'intera suola piena di aria senza bisogno di intersuola. Apparsa sulla rivoluzionaria Air VaporMax, questa caratteristica rivoluzionaria era estremamente complessa e utilizzava alette in TPU come piccoli pistoni per generare rimbalzo e restituire energia a chi la indossa. Era davvero la suola Air Max definitiva, in grado di offrire non solo la sensazione di camminare sull'aria, ma anche l'aspetto, grazie al suo involucro trasparente che la rendeva completamente trasparente. 

    Con un'unità Air Max in grado di sostituire completamente la suola, si può dire che la missione di Nike di offrire la sensazione di camminare sull'aria fosse completa. Ma il marchio ha continuato a lavorare sulla sua tecnologia Air Max. Nel 2018, l'unità Air più alta di sempre è stata aggiunta alla Air Max 270, il cui tallone Air era di 32 mm. Solo un anno dopo, Nike ha battuto il suo stesso record con la Air Max 720, con un tacco che svettava sugli altri con un'altezza di 38 mm. 

    I nuovi modelli continuarono a essere lanciati negli anni 2020, a partire dalla Air Max 2090, che strizzava l'occhio all'iconica Air Max 90 in occasione del suo 30° anniversario. Nel 2021, l'Air Max Dawn ha presentato un'altra rivisitazione del design Nike Air Max grazie all'utilizzo di una finestra a forma di pillola, che richiamava l'Air Max 1 originale. Oltre a questi aspetti storici, la scarpa aveva anche un look unico grazie alla parte anteriore esposta dell'airbag e alla sua apertura che si estendeva per tutta la larghezza dell'intersuola. L'anno successivo, Nike ha continuato a sviluppare la sua collezione di modelli Tailwind con la Air Max TW. In onore della scarpa che per prima ha portato l'ammortizzazione Nike Air nel mondo, prima che fosse visibile, la TW presentava un'unità Air Max potenziata nel tallone con cinque finestre a bulbo che rivelavano l'aria all'interno, conferendole un aspetto eccentrico. Poi, in occasione dell'Air Max Day 2023, Nike ha fatto un ulteriore passo avanti con la Air Max Pulse. Riprendendo l'unità Air della 270, la Pulse includeva un sistema di ammortizzazione a carico puntiforme che, grazie all'uso di una clip di plastica, contribuiva a distribuire il peso di questa suola soffice nei punti chiave della parte inferiore del piede, offrendo un maggiore rimbalzo e un comfort ancora maggiore.   

    Lo sviluppo della linea Air Max ha coinvolto alcuni dei designer più famosi di Nike e ha prodotto alcuni dei suoi modelli più memorabili. Sebbene il marchio abbia già raggiunto l'obiettivo di creare una scarpa che permetta di correre interamente su un letto d'aria, non c'è dubbio che questa illustre collezione abbia ancora molto da offrire. L'iconica tecnologia è ancora ampiamente visibile nelle scarpe indossate da star dello sport, artisti, celebrità e altri fan in tutto il mondo. Il suo impatto è stato tale che ogni anno Nike dedica un'intera giornata alla celebrazione della leggendaria linea. L'Air Max Day, che si tiene il 26 marzo, spesso annuncia l'uscita di un modello retrò, come la Air Max 1 lanciata in occasione dell'evento inaugurale del 2014, o di una creazione Air Max completamente nuova. La passione del marchio per la linea garantisce che la straordinaria innovazione delle Nike Air Max continui a sostenere chi le indossa con la sensazione unica di camminare sull'aria.

    Classifica le Nike Air Max
    (0)

    SPORTSHOWROOM utilizza i cookie. Informazioni sulla nostra politica sui cookie.

    Continua

    Scegli il tuo paese

    Europa

    Americhe

    Asia Pacifico

    Africa

    Medio Oriente