SPORTSHOWROOM

    Archive

    Air

    La tecnologia di ammortizzazione che ha cambiato tutto.

    Nike Air
    © Nike

    Un incontro inaspettato

    Nel corso della sua storia, Nike ha collaborato con persone di ogni tipo. Tutti, dagli architetti agli atleti, hanno lavorato con i talentuosi designer del marchio, ma nessuno avrebbe potuto prevedere che un ex ingegnere aerospaziale della NASA sarebbe entrato un giorno nell'ufficio del co-fondatore di Nike Phil Knight. Il loro incontro ha cambiato il corso della storia dell'azienda; il loro incontro è stato l'inizio di Nike Air. 

    Quando Marion Frank Rudy arrivò in Nike nel 1977, era già stato respinto da altre 23 aziende. La sua idea si basava su un processo chiamato "soffiaggio della gomma", utilizzato per creare spazi vuoti nelle scarpe da atletica che potevano poi essere riempiti con materiali che assorbono gli urti. Ispirandosi agli pneumatici delle auto e alla morbida imbottitura delle zampe dei gatti, l'idea di Rudy prevedeva l'inserimento di piccoli sacchi di poliuretano riempiti di gas pressurizzato nella suola delle scarpe per fornire un supporto simile. Questi sacchetti avrebbero agito come una soluzione di ammortizzazione a lungo termine che non si sarebbe appiattita con il passare del tempo come la tipica imbottitura in schiuma dell'epoca.

    © Nike

    Un'impresa coraggiosa

    Si trattava di un'idea radicale che richiedeva un processo di produzione completamente diverso, che molte aziende erano restie a intraprendere. Dopo tutto, sarebbe stata una mossa coraggiosa ma rischiosa investire in un nuovo metodo di produzione se il prodotto avesse fallito o si fosse rivelato impopolare. Inoltre, Rudy non era un designer di scarpe e non era in grado di costruire un prototipo accattivante. Ci volle una persona lungimirante come Phil Knight per vedere al di là del modesto mock-up il potenziale di ciò che conteneva. Lo portò a fare un giro di prova e si convinse che Rudy aveva in mente qualcosa, accettando di lavorarci insieme per creare una scarpa che mettesse davvero in mostra le sue credenziali di ammortizzazione. Nove mesi dopo, Nike era pronta a svelare al mondo la sua prima scarpa ammortizzata.

    © Nike
    © Nike

    La prima scarpa Air

    La sneaker che ha ricevuto questo riconoscimento è stata la Nike Air Tailwind. La sua costruzione avvenne in uno stabilimento di Exeter, nel New Hampshire, che aveva un accesso estremamente limitato, il che portò a speculazioni su cosa stesse facendo Nike in quel luogo. Una volta terminata, tutte le teorie furono messe a tacere durante la maratona di Honolulu del 1978. 250 paia furono vendute ai corridori che partecipavano all'evento e, nonostante la tomaia tendesse a separarsi dalla suola, la scarpa ebbe un enorme successo, tanto che alcuni indossatori si accontentarono di ricucirle con lo scotch per poterle continuare a usare. Questa ammirazione era dovuta alle prestazioni della Tailwind. Conteneva un lungo airbag con tubi interconnessi che giravano intorno al tallone e si estendevano attraverso il mesopiede fino alla punta. Questo nuovo elemento aveva uno spessore di appena un centimetro e un peso di pochi grammi, rendendo la sneaker estremamente leggera e fornendo al contempo un nuovo tipo di ammortizzazione che nessun corridore aveva mai provato prima. I test dimostrarono in seguito che questa prima iterazione di Nike Air forniva un ritorno di energia del 3% a chi la indossava, poiché l'azione elastica dell'airbag rimbalzava un po' a ogni passo, offrendo un vantaggio significativo agli atleti competitivi. Un anno dopo la maratona, Nike aveva risolto i problemi riscontrati ed era pronta a lanciare le Tailwind sul mercato. Così, Nike Air fu consegnata al mondo.

    © Nike

    Un nuovo tipo di supporto

    Per vendere la sua tecnologia rivoluzionaria, Nike commercializzò la Tailwind come una scarpa che avrebbe migliorato la capacità di chi la indossava di correre per lunghe distanze, aiutandolo a mantenere un alto livello di resistenza e riducendo l'affaticamento delle gambe. Questo è il nocciolo del motivo per cui le Nike Air sono diventate così apprezzate. Un maratoneta medio impatta sul terreno più di 25.000 volte durante una gara. Ogni passo colpisce il corpo con un peso tre volte superiore al suo. Questo effetto è ancora più marcato durante una partita di basket, quando i giocatori subiscono impatti pari a quattro o cinque volte il loro peso corporeo. Le Nike Air attenuano notevolmente questa forza, riducendo lo stress sui muscoli e sulle altre parti del corpo. Inoltre, è molto più leggera della schiuma, che si comprime sulle lunghe distanze, perdendo le sue capacità ammortizzanti. L'aria non soffre di questo problema e quindi è molto più resistente. Infatti, se gonfi una sacca d'aria di 25 centimetri quadrati a 10psi, sarà in grado di sollevare 455kg. Non c'è da stupirsi che venga utilizzato dai servizi di emergenza, dall'industria motoristica e, ovviamente, dagli ingegneri aerospaziali. A differenza di questi settori, però, gli airbag di Nike sono stati riempiti con le molecole d'aria più grandi, in modo che il gas non trapelasse attraverso la sacca di poliuretano, conferendo loro un'eccellente durata. Inoltre, questi sacchetti potevano essere modellati in varie forme e dimensioni e posizionati sotto diverse parti del piede per adattarsi a una vasta gamma di sport e attività.

    © Nike

    Le prime vittorie

    Con un elenco di vantaggi così convincente, non passò molto tempo prima che le persone iniziassero a rendersi conto del potere delle Nike Air. Il corridore britannico Steve Ovett ottenne la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Mosca del 1980 indossando un paio di Tailwind, prima che il suo successore, le Mariah, venissero indossate da Alberto Salazar nel 1982 quando vinse la maratona di New York.

    © Nike

    Una tecnologia potente e versatile

    Nel corso degli anni, Nike Air ha dimostrato le sue credenziali in sport diversi dalla corsa. Nel 1982, gli airbag del marchio sono entrati per la prima volta in una scarpa da basket, quando sono stati utilizzati nella Nike Air Force 1. Si rivelò un compito difficile produrre qualcosa che potesse resistere ai rigori della pallacanestro, ma Bruce Kilgore trovò il modo di garantire che una delle scarpe Nike più popolari di tutti i tempi contenesse per sempre la tecnologia Air. Qualche anno dopo, un'altra scarpa da basket ricevette il trattamento Nike Air: il direttore creativo Peter C. Moore installò componenti Air nella suola della Air Jordan 1 del 1985. Questo diede inizio a un'altra tendenza a lungo termine: l'iconica linea di sneaker ha continuato a incorporare tecnologie Air di vario tipo in ogni nuovo modello.

    © Nike
    © Nike

    Lavorare con le leggende

    Nel 1987, un altro dei leggendari designer del marchio creò una scarpa con l'Air all'interno. Questa volta si tratta di Tinker Hatfield. Voleva creare una scarpa da ginnastica multiuso per la nuova tendenza dei centri benessere, dove le persone partecipavano a una serie di attività che richiedevano diversi tipi di calzature. L'aria gli permise di ridurre i materiali e di realizzare una scarpa leggera che potesse anche fornire supporto per una serie di esercizi. Chiamata Nike Air Trainer, fu indossata da John McEnroe durante le sue gare di tennis. Hatfield continuò a inserire Nike Air nei suoi progetti negli anni '90, lanciando nel 1991 la Air Huarache, dall'aspetto eccentrico, come scarpa da corsa comoda e sostenuta. Appoggiata da personaggi del calibro di Michael Johnson, fu un'altra scarpa incredibilmente popolare che dimostrò la continua versatilità della tecnologia Air.

    © Nike

    Un'era che definisce l'innovazione

    È un eufemismo dire che le Nike Air hanno cambiato il mondo delle scarpe da ginnastica. Questa innovazione rivoluzionaria ha definito il marchio Nike fin dalla fine degli anni '70 e ancora oggi è una tecnologia di scarpe incredibilmente popolare e utilizzata. Nel corso degli anni, è stata alla base di nuove e più avanzate forme di suola Air e ha aiutato innumerevoli sportivi a compiere grandi imprese. Senza Nike Air, infatti, non sarebbero mai nate le collezioni Air Max e Zoom Air del marchio. Non c'è davvero molto da dire su questa straordinaria tecnologia.

    Leggi tutto

    SPORTSHOWROOM utilizza i cookie. Informazioni sulla nostra politica sui cookie.

    Continua

    Scegli il tuo paese

    Europa

    Americhe

    Asia Pacifico

    Africa

    Medio Oriente